Ogni anno aspetto con trepidazione il carnevale per gustare tutti questi dolcetti fritti.
Quest’anno la Pasqua arriva tardi (il 20 aprile) per cui anche il carnevale è arrivato tardi.
Qui in Romagna si fanno oltre ai ravioli di marmellata, queste castagnole e le sfrappole.
Ho dei bei ricordi del carnevale di quando ero bambina, si facevano delle gran belle feste, nelle scuole, e il mitico veglione al Baccara (discoteca) negli anni 80, il giovedì pomeriggio solo per bambini  me lo sogno ancora.





Ingredienti:
2 uova
100 g di zucchero
3 cucchiai di rum (io l’ho omesso)
75 g di burro
300 g di farina 00
12 cucchiaino di lievito
 olio di semi di girasole o di arachide per friggere

Con una forchetta sbattere le uova con lo zucchero, unire il rum, il burro sciolto e mescolare.
Unire la farina già miscelata col lievito, poca per volta fino a formare un impasto compatto (se è troppo molle aggiungere altra farina).
Rovesciare l’impasto sulla spianatoia e lavorarlo con le mani.
Formare un cilindro grosso come una ciliegia, tagliarlo a pezzettini con un coltello, rotolarle una a una tra i palmi delle mani per formare delle palline sferiche.
Friggerle in abbondante olio bollente, toglierle quando sono gonfie e dorate.
Farle asciugare su carta assorbente da cucina.

La tradizione le vuole passate nel liquore Alchemes e zucchero semolato, ma io non amo i liquori e quindi li cospargo di zucchero al velo.










Le castagnole le vendono in questo periodo in tutti i supermercati ma non c’è paragone.
Fatte in casa sono tutta un’altra cosa, delicate e si sciolgono in bocca.
Attenzione: una tira l’altra!

2 Comments on LE CASTAGNOLE

  1. Mila
    22 febbraio 2014 at 17:27 (5 anni ago)

    Hai ragione, non c'è paragone con quelle compere, ma poi come si fa a resistere!!!! Però è carnevale e qualche cosina di fritto ci vuole!!!!! Buona domenica

    Rispondi
    • poesiedizuccheroefarina
      22 febbraio 2014 at 19:44 (5 anni ago)

      Una volta all'anno si può fare! E poi staremo a dieta fino a Pasqua! Buona domenica anche a te.

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *